Articoli

Pellegrini… sulle vie della fede

ASSOCIAZIONE AMICI della VIA FRANCIGENA – VITERBO

La parrocchia Santa Maria Nuova, nel centro storico di Viterbo, per rispondere a un sempre maggiore aumento dei pellegrini che percorrono la via Francigena e attraversano la nostra città, ha fondato l’Associazione Amici della Via Francigena di Viterbo; si tratta di un’associazione di promozione Sociale e Culturale senza scopo di lucro, a utilità sociale in favore dei pellegrini che percorrono la via Francigena. Diversi sono gli scopi e i fini dell’Associazione, come indicati dallo statuto, tra questi i principali sono: accogliere i pellegrini nella struttura operativa Ospitale del Pellegrino, fornire loro assistenza spirituale (come il rito della Benedizione del Pellegrino), assistenza materiale e informativa per poter meglio vivere il pellegrinaggio sulla via Francigena.
In particolare, possono essere fornite informazioni riguardanti gli ultimi cento chilometri (o poco più), della via Francigena, che separano Viterbo dalla Tomba dell’apostolo Pietro, meta di numerosi pellegrini ogni anno; o anche informazioni riguardanti il proseguio del percorso, denominato via Francigena del Sud.
L’Associazione Amici della Via Francigena, in breve, vuole valorizzare il pellegrinaggio non solo come fenomeno umano universale nel tempo e nello spazio, ma anche valorizzarlo come approccio culturale, sociale e soprattutto religioso.
L’idea di formare un’associazione per i pellegrini è venuta ad alcuni volontari dell’Ospitale del Pellegrino ed essa si è sviluppata nel tempo fino a concretizzarsi con la nascita di uno statuto e un atto costitutivo. Il giorno 11 febbraio 2020 si sono riuniti nella parrocchia di Santa Maria Nuova i soci fondatori ed hanno approvato lo statuto sociale. Nella stessa riunione si è costituito il consiglio direttivo formato dal presidente che, a norma dello stesso statuto, è la carica ricoperta dal parroco della parrocchia di Santa Maria Nuova, don Mario Brizi, dal vicepresidente il Diacono Vincenzo Mirto responsabile dell’Ospitale del Pellegrino e dal tesoriere Mario Mancini, Presidente provinciale dell’Unione Cattolica Stampa Italiana.
Durante gli incontri che hanno preparato la creazione dell’Associazione, hanno preso forma molte idee, già poste in cantiere, a favore dei pellegrini che giungeranno a Viterbo nei prossimi mesi, questo con l’intento di dare loro un ricordo indelebile, nonostante la breve permanenza, della nostra stupenda città.
Il primo appuntamento dell’associazione “Amici della Via Francigena Viterbo”, è fissato per il 20 febbraio 2020 nei locali di San Pellegrino; in questa occasione si riuniranno i soci fondatori, i volontari e gli aspiranti volontari per organizzare la prossima apertura dell’che avverrà il 01 marzo 2020.
L’Ospitale del Pellegrino, nell’anno 2019, ha accolto centinaia di pellegrini provenienti da oltre 30 nazioni mondiali, fornendo loro assistenza spirituale e materiale, indicazioni logistiche per arrivare a Roma e, per chi lo desiderava, anche fino a Santa Maria di Leuca (Finibus Terrae), termine italiano della via Francigena.
L’Associazione Amici della Via Francigena si ripromette di fornire assistenza ed informazioni a tutti i pellegrini che vi si rivolgeranno, per consentire loro di vivere al meglio l’esperienza del pellegrinaggio.

Viterbo, 14 febbraio 2020

Daniela, volontaria dell’Ospitale del Pellegrino



Ospitalità e sostegno spirituale ai pellegrini che percorrono la via Francigena

OSPITALE DEL PELLEGRINO, NUOVA STRUTTURA DI ACCOGLIENZA A VITERBO

Chiesa del Pellegrino

A breve, nella Parrocchia Santa Maria Nuova termineranno i lavori per la realizzazione di una  struttura per l’accoglienza dei pellegrini che percorrono la via Francigena.

In seguito all’ intensificarsi della presenza di pellegrini che attraversano la città di Viterbo e alla già avviata iniziativa della “Benedizione del Pellegrino”, che si effettua da tempo nella chiesa di San Pellegrino, la comunità parrocchiale di Santa Maria Nuova ha maturato l’idea di realizzare un’ambiente idoneo ad offrire ospitalità ai pellegrini che si dirigono verso Roma alla Tomba di San Pietro percorrendo l’antica  via francigena, resa famosa nel X secolo dall’arcivescovo britannico Sigerico di Canterbury tra l’altro autore di un diario che contiene un resoconto dell’itinerario più antico in riferimento alla via francigena. Il progetto è quello di riservare loro un servizio di accoglienza fraterna e religiosa contenuto anche nei costi. Superate le difficoltà per individuare la sede, il progetto della Casa di Accoglienza dei pellegrini che si chiamerà “Ospitale del Pellegrino” si realizzerà entro i primi mesi del prossimo anno. L’idea è stato presentata al Vescovo di Viterbo S.E. Mons. Lino Fumagalli, il quale ha accolto ed approvato l’iniziativa con entusiasmo, incoraggiandola e a tal fine donando un contributo per le  spese di realizzazione del progetto.

L’Ospitale del Pellegrino in un  appartamento di proprietà della parrocchia in via San Pellegrino adiacente alla chiesa di San Pellegrino, quartiere medievale di Viterbo.  All’interno saranno sistemati circa 12 posti letto, ma è preventivato un incremento della disponibilità. Come nell’autentico spirito dei cammini a piedi, all’Ospitale del Pellegrino saranno accolti solo pellegrini forniti di credenziali, documento che viene rilasciato da strutture religiose o civili a coloro che intendono realizzare un cammino verso un luogo Santo.

Anche la parrocchia Santa Maria Nuova, come di consueto, dopo la benedizione e solo a chi lo desidera, rilascia una credenziale personalizzata da Viterbo a Roma nella quale sarà riportata il rito della Benedizione del Pellegrino e in aggiunta una pergamena di  avvenuta benedizione. L’attestato è personalizzato e rimane come un ricordo dell’esperienza vissuta. Molti pellegrini ricevendo la pergamena sono rimasti entusiasti, ed hanno espresso gratitudine per il rito celebrato.