CHIESA DI S. PELLEGRINO

Chiesa di S. PellegrinoE’ situata nel cuore del quartiere medievale, il più suggestivo della città, quello che ha mantenuto inalterata la sua originaria struttura urbanistica con edifici medievali di epoche e classi sociali diverse. Su tre lati si articola il palazzo della nobile famiglia guelfa degli Alessandri (XIII sec.), costruito in periodi successivi, dove l’intrecciarsi degli archi a tutto sesto o ribassati, le colonne del portico, il bel profferlo compreso nelle mura, la semplice decorazione a stella di diamante, i portali e le finestre sullo sfondo delle massicce torri e delle tortuose stradine, fermano nel tempo l’atmosfera del dinamico Medioevo viterbese. Nelle vie attorno, eleganti profferli, ballatoi, archi, abitazioni e torri completano la memoria storica.San Pellegrino
Della Chiesa di S. Pellegrino si hanno notizie fin dall’XI secolo come dipendenza dell’Abbazia di Farfa che aveva numerosi possedimenti a Viterbo. L’originaria struttura romanica è stata in gran parte cancellata a partire dal 1889 quando è stata eretta una nuova facciata neogotica che presenta in alto lo stemma del vescovo Antonio Grasselli che volle il cambiamento. L’interno, a navata unica e soffitto a capriate, presenta tracce di affreschi del 400 e del 700, mentre il presbiterio è stato ricostruito dopo il 1945 in forme moderne. La pala d’altare (1979) è una copia del S. Pellegrino e Angeli di Vincenzo Strigelli (XVIII secolo) andata distrutta durante i bombardamenti.
La casa canonica, interamente ristrutturata, ospita incontri e attività artistiche e culturali.